Home > Primo piano > Luca era gay……

Luca era gay……

1 Marzo 2009

 

Il Festival Di Sanremo ha chiuso la Kermesse canora: la palma d’oro a Marco Carta, secondo classificato Povia con" Luca era gay". Si è ripetuta la medesima storia dell’edizione 2008: "Il Mio amico"di Anna Tatangelo ad un passo dalla vittoria…  propendo per Masini che recita: " è un paese l’Italia che rimane tra i pali… come Zoff".

Esaminiamo la canzone di Povia: ci troviamo di fronte ad un ragazzo da "repartino"! Povero Luca, se avesse realmente raccontato una storia del genere, gli avrei consigliato una sana e robusta psicoterapia.

In primis enuclea il suo pensiero: crede in Dio, ma non s’identifica nel concetto dell’uomo su quest’argomento, così delicato per un paese come il nostro. Non lo riconosce, perché non lo conosce! Nasce nel seno di una famiglia etero molto tormentata con una madre egocentrica, forte, chioccia, iperprotettiva ed un padre defciente e adultero per lavoro! Matrimonio allo sbaraglio! Il papà naturalmente diventa alcolista e la madre infierisce su di un ragazzino adolescente! Nulla di nuovo, questi sono i matrimoni. Ecco, avesse anche parlato d’omicidi e violenza il quadro sarebbe stato completo.

Durante la sua evoluzione sessuale, la mamma è gelosa e morbosa nei confronti delle amiche del povero Luca, gemelli siamesi, il complesso d’Edipo? Chiaramente il ragazzo studia Freud, forse attraverso sogni erotici, non è dato di sapere… qui l’ennesima contraddizione: non è andato da uno psicologo, perché l’omosessualità non è una malattia, però leggeva di nascosto il sommo psichiatra che non era in sintonia con il mondo gay. Caro Povia, Freud ha addirittura parlato di prevaricazioni anatomiche: l’impiego sessuale delle labbra e della bocca… impiego sessuale dell’orifizio anale e impiego di sostituti inadeguati dell’oggetto sessuale ( i piedi, i capelli ecc).

Poi ci sarebbero le fissazioni di mete sessuali provvisorie! Eliminato il petting, per farla breve.

Raccontalo agli etero, a ME, che sono tale. Scrivi una bella canzone su questi temi! 

Andiamo avanti. Finalmente Luca è maturo (cosa significa lo sa solo lui…) non conosceva la felicità! Lo credo, con la famiglia che si è ritrovato! "Non osi separare l’uomo… Il sacrificio, il perdono…..". Incontra un uomo più completo di se stesso, s’innamora in un’orgia di tradimento e sesso! Nel mondo gay, naturalmente. Gli etero non tradiscono, non s’incontrano in club privè, non organizzano orge! In genere si limitano, così per gioco, ad uccidere l’ex partner. Una Signora a Torino va in giro per la città con una maglietta con su scritto "io sarò la prossima!". Facciamo sempre finta di non vedere. Noi etero siamo quelli a posto, coloro che, se nel nostro condominio qualcuno grida o urla, alziamo il volume del televisore per non sentire, per offuscarci l’anima. Per non avere "grane". La Domenica, sempre al primo banco con la "più carina o la più cretina… cretino tu".

Luca Cercava suo padre! Sepolto in una clinica oppure felicemente risposato in chiesa? Sua madre? Il porto sicuro dell’infanzia? Per non tradirla! 4 anni d’omosessualità e poi ad una festa ecco l’illuminazione: la Sua donna. La Sua sposa, la madre dei Suoi figli. Lo capiva, l’aiutava, lo spogliava… ehm, altra mamma! "Nessuna malattia, nessuna guarigione" – ha dovuto rilevarlo, il povero Povia, perché non ho mai ascoltato un minestrone così ben confezionato! Di cosa parla questa canzone? Di un matrimonio finito in una separazione (norm), di un ragazzo confuso che ricerca disperatamente entrambi i genitori (norm), delle esperienze sessuali (norm). Sottolineo: non si cambia orientamento sessuale come scegliere in un armadio quale vita indossare! Poi  alcolismo, complesso d’Edipo e ritorno al liquido amniotico. Inoltre si è invaghito "Dell’Unica (ben specificato!) donna che abbia mai amato! Allora era gay! A dirla tutta, non ho mai visto un gay diventare etero! Varie volte il contrario.

Luca è da psichiatria! Mi dispiace per suo figlio se è tale il padre.

Luca era gay e adesso sta con lei! Luca si  è innamorato all’asilo di un altro bambino? Al liceo? Durante l’età adulta? No.

Luca è un altro uomo? No.

Luca oggi è felice: Serenità è meglio che Felicità, Nessuno ha sempre ragione… Povia, il termine che più ti si addice equivale a "furbetto", penso tu lo sappia! Hai ridicolizzato un argomento di grande importanza, ove l’amore regna incontrastato, paragonandolo al ruolo del fool nel teatro Shakesperiano!  Mi sembra tu sia stato intervistato da striscia la notizia…

"Buongiorno, il Presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro è stato oggetto di un gravissimo attentato……..E’ un paese l’Italia che governano loro… e credeva nei preti che chiedevano i voti, anche a Dio…  E’ un paese l’Italia dove un muro divide a metà: coppie gay dalle coppie normali… di ragazze stuprate dalle carezze di un branco cresciuto dentro gabbie dorate…. Nelle lacrime a rate… nelle vite sfuocate dalla fame dei nuovi padroni, è un paese l’Italia che c’ha rotti i coglioni!… Perché se l’ignoranza non è madre di niente, ogni cosa rimane com’è, nei tuoi sogni innocenti c’è ancora l’odore di un’Italia che aspetta…. La Sua Storia d’Amore!" Bravo Masini. 

Da Palma d’Oro.

Cosa direbbe Gesù Cristo? " Mi avete frainteso,  proprio tanto!"

Ludovica Mazza.

Da Torino è tutto.

LINFA Regione Piemonte.

 

I commenti sono chiusi.